Press START to initiate

Standard
And here we go!
Inizialmente non pensavo di voler mettere all’aperto le mie riflessioni o sentimenti, poi invece ho capito che mi ha fatto tanto bene leggere e identificarmi con chi lo ha fatto prima di me, e ho deciso.
Beh, da quando ho deciso ne è passato di tempo..ecco ed è già da un po’ che volevo farlo.
 
Da quando ho scoperto di averti, dopo averti tanto cercata.
Da quando non sapevo se chiamarti lei o lui; da quando ho passato un periodo a letto, per non perderti.
Da quando ho scoperto il tuo nome e ti ho portato in giro per l’Europa, ben custodita in una valigia tutta tua, dentro di me.
Da quando ho messo su una nuova biblioteca per cercare di capire il passaggio da me-ragazza a me-mamma.
Questo pezzo mi spaventava, il me-mamma…no, io ero una me-ragazza!
 
Non è strano che spesso abbiamo un sogno, un desiderio, una meta che vogliamo tanto raggiungere e…quando ci troviamo lì, al risultato, ecco, sembra che non sappiamo come reagire? Ci si sente in un sottovuoto, in uno spazio-tempo-dimensione impalpabili, e ci si mette un bel po’ per uscire dalla sensazione che non sia tutto surreale…
Pensavo che qualcosa cambiava in me, ma giusto qualcosa…invece so di essere stata portata da te a fare un upgrade molto più ampio da quanto immaginassi. Avevo certe convinzioni, che pian piano si sono svanite, non valevano oramai nulla, erano soltanto teoria (beh anche pratica, ma non corrispondeva a ciò che provavo in quel momento), e dopo essermi liberata di tanti concetti che in realtà non mi appartenevano, ho aperto spazio ad una conoscenza più ricca, più profonda, naturale, istintiva, vera!
 
Il passaggio è stato lento e graduale, ma tu mi hai guidata dolcemente di pari passo con la tua crescita..da fagiolino ad albicocca, da pupazzetto a bebè, da bambolina a bambina-terremoto. E l’amore che sentivo crescere ogni giorno era imparagonabile, unico, sconosciuto, forte come mai avevo sentito prima. Ho scoperto di osservarti per imparare, senza accorgermene. Giorno dopo giorno, crescevamo insieme, ogni cosa nuova per te, lo era ovviamente anche per me, e nessuno ci poteva ‘guidare’ se non noi stesse…lasciate libere per essere portate  dovunque il vento soffiasse, ma insieme, sempre.
 
 
Il percorso continua, tu mi dai la manina e mi porti verso questi sentimenti immensi e nuovi, e noi continuiamo a fare scoperte sorprendenti ed a stupirci ancora, ma ti vorrei ringraziare, piccola mia, per avermi guidado così dolcemente in quello che per me era lo sconosciuto mondo delle mamme, dove ora mi felicemente ritrovo.
 
Non smettere mai di stupirmi, ‘amoie’ mio!
 
Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...